Divieto d’impiegare parenti od affini in uno stesso ufficio, 1827

Proibizione d’impiegare parenti od affini in uno stesso ufficio.

Categoria: Impero Austriaco

13 agosto 1827.
N.° 21229-3243 P.
IMPERIALE REGIO GOVERNO
DI MILANO.
NOTIFICAZIONE
S. M. con venerata risoluzione del giorno 1.° dell’ultimo scorso maggio ha stabilite le seguenti norme, che si deducono a pubblica notizia per la migliore osservanza della massima, giusta la quale è vietato d’impiegare in uno stesso ufficio individui che sieno fra loro parenti od affini.
1.° Il divieto d’impiegare parenti od affini negli uffici dell’amministrazione politica o camerale comprende i consanguinei in linea ascendente e discendente, i fratelli ed i figli di fratelli o di sorelle, e gli affini nei medesimi gradi.
2.° Questa proibizione dee valere per tutte le categorie d’impieghi di concetto sieno politici o camerali, compresi pure gli alunni di concetto, e riguardo agli uffici ausiliari di registratura, protocollo, spedizione, ecc. ed altri di egual natura in entrambe le amministrazioni non potrà il capo d’ufficio essere congiunto in parentela od affinità nei gradi precisati al § 1.° con verun impiegato il quale per le sue attribuzioni abbia ad esercitare una qualunque controlleria, né con qualsivoglia altro individuo che da lui dipenda. Presso le casse continuerà ad osservarsi la massima già vigente che due parenti od affini non possano servire insieme in veruna categoria.
3.° Sussistendo taluno di siffatti rapporti di parentela od affinità tra due impiegati nel medesimo ufficio, devono esser tolti mediante la traslocazione d’uno di essi tosto che se ne presenti l’occasione.
Per evitare in avvenire siffatte relazioni dovrà ogni concorrente, sotto pena di perdere l’impiego che venisse a conseguire, o, non venendo eletto, l’impiego che prima copriva, esattamente indicare se ed in qual grado egli sia congiunto in parentela od affinità con taluno degl’impiegati nell’ufficio ove aspira ad essere destinato.


Milano, il 13 agosto 1827.
Il Conte DI STRASSOLDO, PRESIDENTE.
Conte OLDOFREDI, Consigliere,

/ 5
Grazie per aver votato!

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.