La Rivoluzione Russa nel cinema

La Rivoluzione Russa nel cinema: una analisi comparativa

Titolo originale: La Revolución rusa en el cine: un análisis comparativo
Autore: Mikel Bueno Urritzelki

Categoria: Saggi tradotti di Cinema

Indice

Introduzione

La rivoluzione russa dell’ottobre 1917 è, senza dubbio, l’evento più trascendentale del XX secolo. Questo evento è paragonabile in importanza solo alla caduta del muro di Berlino nel 1989, con la successiva disintegrazione dei paesi che componevano il cosiddetto “blocco socialista” e l’implosione dell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS) nel 1991, emerse nel 1922 dopo la guerra civile che la Russia visse dopo gli eventi del 1917. Non sorprende quindi che il prestigioso storico Eric Hobsbawm ha coniato il termine “breve XX secolo” inquadrato tra gli anni 1917 e 1989. Tutte le grandi convulsioni vissute nel secolo scorso, ad eccezione della prima guerra mondiale e della rivoluzione islamica in Iran nel 1979[1]Come afferma Hobsbawm, “la novità di questa rivoluzione era ideologica. Quasi tutti i fenomeni considerati rivoluzionari fino a questa data avevano seguito la tradizione, l’ideologia e … Continue reading, ha avuto come una delle sue cause principali la rivoluzione di Lenin: dalla seconda guerra mondiale alla guerra fredda, che ha condizionato la politica internazionale, passando per il periodo della decolonizzazione e le varie rivoluzioni socialiste in Asia, Africa e America.

I prolegomeni della Rivoluzione d’Ottobre: la “prova generale” del 1905

Molto è stato scritto sull’adeguatezza di una rivoluzione socialista in Russia a causa dell’arretratezza dovuta alle politiche del regime zarista, il che manteneva nella Russia una società preindustriale. Tuttavia, ci fu chi già decenni prima che la rivoluzione del 1905 vedeva nella Russia l’avanguardia della rivoluzione europea. Karl Marx e Friedrich Engels hanno affermato, nella prefazione a un’edizione russa de Il Manifesto del Partito Comunista nel 1882, che la Russia costituiva “l’avanguardia del movimento rivoluzionario d’Europa”[2]MARX, K. e ENGELS, F., 1987, Il Manifesto del Partito Comunista.. Non era un’affermazione banale quella proveniente da entrambi pensatori, tenendo anche conto che Marx iniziò a studiare il russo nel 1869[3]Ibid..
L’importanza della Rivoluzione del 1905 non è solo dovuta alla rivolta popolare che la Russia visse contro lo zar e la successiva repressione immortalata con la strage del 9 gennaio contro una manifestazione pacifica, conosciuta come la “domenica di sangue”. La marcia, dissolta con armi da fuoco e con centinaia di morti e feriti, reclamava la convocazione di un’Assemblea Costituente eletta a suffragio universale[4]DE PABLO, S. (ed.), La historia a través del cine: La Unión Soviética, EHU/UPV, Zarautz, pag. 21.. Quella insurrezione popolare “comportò il risveglio alla vita politica di parte dei sudditi, incoraggiati in ciò dal mondo economico, politico e dai cambiamenti sociali in corso”[5]SABORIDO, J., 2006, La revolución rusa, Ed. Dastin, Madrid, pag. 40..
Sia questo evento che le manifestazioni e gli scioperi che ne sono seguiti quell’anno costrinse lo zar Nicola II ad attuare riforme liberali, come il riconoscimento della libertà di stampa, di associazione e di riunione, nonché la concessione di un’amnistia, l’estensione del diritto di voto a settori più ampi della popolazione e la concessione di maggiori poteri alla Duma, il parlamento russo, che fino ad allora non aveva poteri, per il suo carattere meramente consultivo[6]TAIBO, C., 2010, Historia de la Unión Soviética 1917-1991, Alianza Editorial, Madrid, pag. 27..
Questi eventi del 1905 erano presenti nella produzione filmica dell’URSS negli anni 20. Ne è una prova il film di Sergei Eisenstein Sciopero girato nel 1924. Eisenstein ha affermato che “Sciopero ha portato un’azione collettiva e di massa sullo schermo, in contrasto con l’individualismo e la drammaticità del ‘triangolo’ del cinema borghese. Nessuno schermo aveva mai mostrato prima l’immagine di una azione collettiva (…). Ma il nostro entusiasmo ha lasciato il posto a una rappresentazione ‘unilaterale’ delle masse e del ‘collettivo’; unilaterale perché il ‘collettivismo’ implica il massimo sviluppo dell’individuo all’interno del ‘collettivo’, una concezione che si oppone e in un certo senso inconciliabile con l’individualismo borghese. Ai nostri primi film di massa mancava questo significato più profondo…”.[7]BERGAN, R., 2001, Sergej Eisenstein. Una vida en conflicto, Ed. Alba, Barcelona, pag. 123. .
Un altro film ambientato negli eventi rivoluzionari del 1905 è La corazzata Potemkin, diretto anch’esso da Eisenstein, commissionato dal governo del URSS per il 20° anniversario della rivolta dei marinai, che insieme ad Ottobre è probabilmente il film più famoso di Eisenstein.
Inizialmente, l’idea originale era quella di realizzare un film che narrasse gli eventi più importanti, e il cui titolo sarebbe stato Anno 1905. Questo lungometraggio era concepito come “un grande affresco diviso in otto episodi, a cominciare dalla fine della Guerra russo-giapponese e la ‘domenica di sangue’ e che si concludeva con la repressione in dicembre dell’insurrezione di Krasnopresnia, un distretto di Mosca”[8]BERGAN, op. cit., pag. 128. Tuttavia, per questioni economiche e per il tempo disponibile per le riprese, il film si è concentrato esclusivamente sulle vicende del Potemkin e, di conseguenza, non solo cambiò argomento, riducendolo a un unico fatto storico la Rivoluzione del 1905, ma anche il titolo.
La corazzata Potemkin narra la rivolta dei marinai contro il burocrazia zarista nel giugno 1905 e si inserisce tra gli eventi accaduti durante quell’anno in Russia. Il fatto che ha innescato la rivolta è stato il rifiuto dell’equipaggio di mangiare la carne marcia. Dopodiché, il capitano ordina all’equipaggio di riunirsi sul ponte e minaccia i marinai con la forca. Quando un gruppo di loro sta per essere fucilato, sia i marinai che la guardia si ammutinarono e presero il potere della nave[9]La corazzata Potemkin, diretta da Sergei Eisenstein, URSS, 1925, 77 min., sequenza: 05:03 a 23:32..

La Corazzata Potemkin
La Corazzata Potemkin

Nonostante sia un film che racconta eventi storici, gli eventi che si vedono nelle sequenze dei “Passi di Odessa” e della compassione delle persone che hanno fornito cibo gli ammutinati, “in realtà erano i compagni rivoluzionari che hanno compiuto i loro doveri a terra e inviato cibo alla nave di guerra. Allo stesso modo, le altre navi della flotta non salutò il Potemkin come accade alla fine del film”(BERGAN, op. cit., pag. 141.) . Queste invenzioni, così come altre presenti durante tutto il film furono fatte per commuovere lo spettatore e creare un ambiente più favorevole al lancio del messaggio voluto, dove erano presenti eroismo, cameratismo e la solidarietà.
Nel film, tra gli eventi che accadono gradini si vedono scene strazianti, valanghe di persone, morti sono le scale e bambini schiacciati prima dell’avanzata del esercito che finisce per sparare su una folla disperata in fuga. Come risposta, dopo che la Potemkin ha sparato contro il teatro di Odessa, dove stava scappando lo Stato maggiore[10]La corazzata Potemkin, sequenza: 47:02 a 53:59.. Tuttavia, e sebbene la gente pensasse che fosse un evento reale, “la strage non è mai esistita”[11]BERGAN, op. cit., pag. 141.. Eisenstein “era sempre orgoglioso di aver creato (o immaginato)”[12]Ibid., pag. 338. gli eventi della scalinata di Odessa.
L’evento della scalinata si è svolto in un’area vicina al porto. Il fatto che Eisenstein non si attenesse strettamente al fatto storico, non distorce l’evento poiché “il mischiarsi caotico delle persone che fuggono terrorizzate quando vedono l’avanzata dei cosacchi viene catturato sia nelle inquadrature ampie che nei primi piani in cui le riprese ci mostrano il terrore che provano in quei momenti e la loro impotenza”[13]DE PABLO, op. cit., pag. 35.. La funzione di questo lungometraggio è di “glorificare la Rivoluzione di Ottobre, per presentare il popolo come protagonista di questi giorni, per educare la nazione la nuova realtà socialista”[14]DE PABLO, op. cit., pag. 36..
C’è una relazione molto stretta tra Sciopero e La corazzata Potemkin ed è che i capi crudeli del primo film si trasformano in ufficiali repressivi della marina nel secondo; così come i lavoratori sono sostituiti dai marinai[15]Ibid., pag. 139., facendo un chiaro riferimento alla lotta di classe. Gli attori che interpretano i capi e gli ufficiali faranno lo stesso in ottobre incarnando “i dirigenti del governo provvisorio; intanto, nei tre film gli operai, i marinai e attivisti bolscevichi combattono nobilmente per la loro libertà, subendo ogni volta la repressione del governo da parte della polizia o dei soldati; nel primo caso il conflitto si conclude con una sconfitta, nel secondo, con una vittoria parziale e, nel terzo, con vittoria”[16]BERGAN, op. cit., pag. 166..
Lenin arrivò ad affermare che la Rivoluzione del 1905 fu “una rivoluzione borghese compiuta con mezzi proletari”[17]HOBSBAWM, E., 2009, La era del imperio. 1875-1914, Ed. Crítica, Barcelona, pag. 306.. Dopo quell’anno convulso, lo Zar ebbe come obiettivo la creazione di “un contadino conservatore, aumentando la produttività e avviando decisamente una politica simile alle enclosures britanniche. I terreni comuni dei contadini sarebbero sistematicamente divisi in parcelle private a beneficio di una classe di grandi contadini con una mentalità commerciale, i kulak. Oltre all’analisi di Lenin, ciò che quella rivoluzione aveva mostrato era che lo zarismo era un regime che potrebbe essere sconfitto[18]Ibid., pag. 307..
In breve, la rivoluzione del 1905 “aveva un carattere misto. È stata una rivolta di liberali borghesi e costituzionalisti contro un’autocrazia arbitraria e vecchio stile. Fu una rivolta operaia, scatenata dall’atrocità della ‘domenica di sangue’, e che portò all’elezione del primo Soviet di Pietrogrado dei Deputati Operai. Era una rivolta contadina diffusa, spontanea e scoordinata, spesso estremamente accusata di risentimento e violenza”[19]CARR, E.H., 2009, La revolución rusa. De Lenin a Stalin (1917-1929), Alianza Editorial, Madrid, pag. 12.. Trotsky durante l’analisi degli eventi del 1905 afferma che queste erano le “prove generali che dovevano precedere la rivoluzione del 1917″[20]TROTSKY, L., 1905, Mi vida..
Per la caduta dello zar fu necessario attendere fino al febbraio 1917.

1917: L’anno del trionfo rivoluzionario. Da febbraio a ottobre

Con l’ingresso dell’Impero russo nella Grande Guerra del 1914, lo zar Nicola II ha firmato, senza saperlo, la sua sentenza. Le conseguenze della guerra gli costarono la sua carica e dopo la Rivoluzione d’Ottobre la vita. Il malcontento popolare crebbe a causa del lungo periodo di guerra, delle sconfitte militari e, ovviamente, della carenza che ha causato il conflitto.
Nel febbraio 1917 a Pietrogrado “la situazione non potrebbe essere più propizia per un movimento rivoluzionario: le proteste dei lavoratori per la carenza di cibo sli erano aggiunte ala riduzione della produzione industriale, lo scioglimento dei poteri del governo e le cattive notizie che arrivavano dai fronti di battaglia. Tra il 23 e il 25 febbraio si diffondono scioperi e manifestazioni, e il 26 c’è stato una sanguinosa repressione da parte dell’esercito. Nel giro di poche ore, però, il presidio della capitale fraternizzò con gli scioperanti. Il 2 marzo lo zar abdicò e si formò un governo provvisorio che, composto principalmente da membri del partito dei Cadetti[21]Si chiamavano così, secondo le iniziali del nome del Partito Democratico Costituzionale (K.D. in Russo). Quando scoppiò la rivoluzione nel marzo 1917, furono i cadetti a formare il primo governo … Continue reading, hanno dichiarato un’amnistia e hanno promesso di rispettare le libertà e di convocare un’assemblea costituente a seguito di libere elezioni popolari. (…) La debole forza del Governo Provvisorio era, comunque, evidente. È diventato particolarmente chiaro quando è stato oscurato da un’altra istituzione, il Soviet di Pietrogrado, che nei mesi successivi avrebbe consentito agli operai, ai soldati e agli intellettuali radicali di esercitare una potente influenza. (…) Obbligati a concentrare tutta la loro attenzione sulla guerra, i successivi Governi Provvisori cercano appena di mitigare le gravi tensioni interne che pervadevano la società russa”[22]TAIBO, op. cit., pag. 31-32..
Antonio Gramsci ha fatto un’analisi di ciò che stava accadendo in Russia e che dovrebbe essere, secondo lui, una vera rivoluzione. Dichiarò nell’aprile 1917 che La rivoluzione di febbraio aveva “distrutto l’autoritarismo e gli ha sostituito il suffragio universale, estendendolo anche alle donne. All’autoritarismo ha sostituito la libertà, alla costituzione ha sostituito la libera voce della coscienza universale. (…) Il proletariato industriale è già preparato al trapasso anche culturalmente: il proletariato agricolo, che conosce le forme tradizionali del comunismo comunale, è anche esso preparato al passaggio a una nuova forma di società. I rivoluzionari socialisti non possono essere giacobini: essi in Russia hanno solo attualmente il compito di controllare che gli organismi borghesi (la duma, gli zemvsta[23]Lo Zemtsvo era una forma di governo locale istituita durante le grandi riforme liberali attuate nell’Impero Russo dallo zar Alessandro II di Russia. L’idea di questo sistema è stata … Continue reading) non facciano essi del giacobinismo per rendere equivoco il responso del suffragio universale, e volgere il fatto violento ai loro interessi.”[24]GRAMSCI, A., Note sulla Rivoluzione Russa. Questa è un’interessante riflessione, elaborata da uno dei grandi pensatori comunisti del periodo, fatta nel mezzo di un periodo turbolento.
Per lo storico E. H. Carr, nel febbraio 1917 “il più violento di tutti i tempi. In poche settimane la società si sbarazza di tutti i capi: il monarca e i suoi uomini di legge, la polizia e i sacerdoti, i proprietari e funzionari, gli ufficiali e i padroni”[25]CARR, E. H., 1985, 1917. Antes y después (la revolución rusa), Ed. Sarpe, Madrid, pag. 10.. Alla fine, la Russia ha visto come si è svolta una rivoluzione borghese in uno degli ultimi imperi che furono lasciati in Europa, nessuno dei quali sarebbe rimasto in piedi dopo la fine del Grande Guerra nel 1918.
Questo vortice portò al ritorno dall’esilio di Lenin, capo dei bolscevichi, che nel gennaio 1917 credeva che la rivoluzione fosse ancora lontana, e che i leader bolscevichi non lo vedrebbero concretizzarsi. Con il suo ritorno in Russia ha promulgato le famose Tesi d’Aprile dove descrive l’accaduto affermando che “la particolarità del momento presente in Russia consiste nel superamento della prima fase della rivoluzione, che ha dato il potere alla borghesia perché il proletariato manca del grado necessario di coscienza e di organizzazione, al suo secondo stadio, deve invece mettere il potere nelle mani del proletariato e degli strati poveri dei contadini”[26]LENIN, V. I., Tesi d’Aprile. Lenin ha affermato che il governo provvisorio, nelle mani della borghesia, non era altro che il nemico del soviet in quanto rappresentava una classe diversa.
Eisenstein racconta vivacemente in ottobre l’attesa e la successiva accoglienza da parte del popolo di Pietrogrado, il 3 aprile presso la stazione ferroviaria della Finlandia, di Lenin, tornato dall’esilio. Una volta in città, e davanti alla folla che andava a riceverlo, Lenin tiene un’accesa riunione, rafforzata sul palco da un fragoroso vento, dove lancia i proclami centrali: nessun sostegno al governo provvisorio per il suo carattere borghese; la necessità di una rivoluzione socialista; e il famoso annuncio di “pace, pane e terra”[27]Ottobre, diretta da Sergei Eisenstein, URSS, 1928, 103 min., sequenza: 10:20 a 12:03.. Queste idee fondamentali, fondamentali per i Rivoluzionari bolscevichi, erano conosciute in precedenza come le menzionate Tesi di aprile.
Questo stesso evento storico è raccontato in modo diverso nella serie televisiva americana Stalin, in cui appare l’accoglienza di Lenin nella stessa stazione, anche se è ancora calorosa, viene mostrato solo l’interno della stazione e la presenza di molti dei leader bolscevichi che lo aspettano e, a differenza di ottobre, intervallando la sequenza con immagini reali dell’epoca. Anche in questo film Lenin appare mentre conduce l’incontro sulle Tesi. A questo si aggiungono immagini, anche dell’epoca, di Lenin e dalla presa del Palazzo d’Inverno[28]Stalin, diretto da Ivan Passer, EE.UU., 1992, 166 min., sequenza: 03:05 a 05:49..

Ottobre
Ottobre

Lenin in ottobre
Lenin in ottobre

L’arrivo a Pietrogrado dalla Finlandia è narrato in un modo diametralmente opposto a Lenin in ottobre, qui l’arrivo del leader bolscevico si verifica clandestinamente, senza massicci ricevimenti alla stazione, aiutati dai conducenti per aggirare la sorveglianza militare[29]Lenin in ottobre, diretta da Dmitri Vasilyev, URSS, 1937, 108 min., sequenza: 3:47 a 7:00., offrendo così una nuova versione a quell’evento storico.
Le differenze tra Ottobre, Lenin in ottobre e Stalin sono evidenti. Anche quelle temporali – i primi furono rilasciati rispettivamente nel 1928 e nel 1937, e il terzo nel 1992 –, i primi due sono un elogio alla rivoluzione e del suo massimo leader, Lenin, mentre il secondo è una biografia di Stalin. Si deve tenere conto che ai loro tempi Ottobre e Lenin in ottobre erano dei successi sovietici, per commemorare il decimo e il ventesimo anniversario della rivoluzione, mentre Stalin è una produzione americana, ed è stato realizzato quando l’Unione Sovietica era scomparsa.
Con il passare delle settimane e dei mesi dopo il ritorno di Lenin, i bolscevichi stavano guadagnando consensi. Il famoso slogan dei bolscevichi “pace, pane e terra” sintetizzava perfettamente il sentimento generale della popolazione, stufa della guerra che non vedeva come propria e che peggiorava le loro condizioni di vita.
Gli eventi stavano avvenendo a un ritmo vertiginoso. Il tentato colpo di stato del generale Kornilov contro il governo provvisorio ha fornito maggiore forza ai bolscevichi. Il soviet più importante, quello di Pietrogrado, “ha mostrato un atteggiamento sempre più critico nei confronti del governo provvisorio; alla sua testa era giunto da settembre un recente bolscevico, Lev Bronstein, noto come Trockij. (…) Agli occhi di Lenin, le condizioni per un’acquisizione del potere dai rispettivi Soviet. (…) Il 24 ottobre 1917 (…) il Governo di Kerensky[30]Presidente dell’ultimo governo provvisorio, membro del Partito Social-Rivoluzionario. Originariamente un partito rivoluzionario contadino e partito delle organizzazioni di combattimento, cioè … Continue reading dichiarò lo stato d’assedio, decise di chiudere due giornali bolscevichi, ordinò che l’esercito occupasse i punti nevralgici della capitale. (…) La notte del 24-25, in risposta, truppe solidali con il Bolscevichi e una Guardia Rossa che, composta da operai, era stata costituita nelle settimane precedenti. (…) Kérenski non poteva evitare che in poche ore i bolscevichi, la cui presenza nei soviet era notevolmente aumentata, potessero controllare Pietrogrado. (…) È stato eletto un Comitato Esecutivo Centrale che ha approvato la creazione di un Consiglio dei Commissari del popolo (Sovnarkom), guidato da Lenin e composto esclusivamente da bolscevichi”[31]TAIBO, op. cit., Pagg. 38-41.. Iniziò così la seconda parte annunciata nelle Tesi di aprile. Nella presa del potere Trotsky “ha giocato un ruolo importante la pianificazione dell’operazione”[32]CARR, E.H., 2009, op. cit., pag. 17..
La presa del Palazzo d’Inverno da parte della folla è stata narrata da John Reed in Dieci giorni che hanno scosso il mondo, dove, secondo Lenin, si narrano fedelmente gli eventi di quei giorni. Reed racconta in grande stile giornalistico la presa del Palazzo vissuto in prima persona:

Grazie alla luce che filtrava dalle finestre del Palazzo d’Inverno, era riuscito a capire che i primi due o trecento erano Guardie Rosse, tra i quali si mischiavano solo pochi soldati. Abbiamo scalato la barricata di legno che difendeva il Palazzo e noi gridammo di gioia nell’inciampare dall’altra parte in un mucchio di fucili, abbandonati lì dagli junker. Le porte su entrambi i lati dell’ingresso principale erano spalancate, lasciando uscire la luce, e non una sola persona lasciò l’enorme edificio.
L’impaziente ondata di truppe ci spinse attraverso l’ingresso sulla destra, che immetteva in un vasto vano voltato dalle pareti spoglie: la cantina dell’Ala Est, da dove partiva un labirinto di corridoi e scale. Guardie rosse e soldati si gettarono immediatamente su grandi casse da imballaggio che erano lì, rompendo le coperture degli imballaggi con il calcio dei fucili ed estraendo arazzi, tende, vestiti, porcellane, cristalleria… Uno di loro ha mostrato con orgoglio un orologio a pendolo in bronzo che portava sulla schiena. un altro aveva incastonata nel suo cappello una piuma di struzzo. Il saccheggio non ha fatto altro che cominciare quando si sente una voce: “Compagni, non toccate niente, non afferrate niente, questa è tutta proprietà del popolo!” ripetuta subito da venti voci: “Fermati! Rimetti tutto al suo posto, è vietato afferrare qualsiasi cosa, è proprietà del popolo!” Le mani caddero sui colpevoli.
Da Damasco gli arazzi furono sequestrati ai saccheggiatori; due uomini lo sanno. Si sono presi cura dell’orologio di bronzo. Gli oggetti, a torto o a ragione, sono stati collocati nelle loro scatole e alcuni dei soldati stessi si sono incaricati di radunare la guardia. Questa reazione è stata molto spontanea. Nei corridoi e le scale, indebolite dalla distanza, facevano eco alle parole:
“Disciplina rivoluzionaria! Proprietà del popolo!”
Andiamo all’ingresso sinistro, nell’ala Ovest. Anche lì si e ripristinato l’ordine.
“Evacuare il palazzo!” gridò una guardia rossa. Avanti, compagni, Dimostriamo che non siamo ladri e banditi! Tutti fuori Palazzo, ad eccezione dei commissari, fino all’affidamento delle sentinelle.
Due guardie rosse, un ufficiale e un soldato, stavano in piedi, brandendo un revolver; un altro soldato sedeva a un tavolo con una penna e carta. Ovunque risuonava il grido: “Tutti fuori! Tutti fuori!” a poco a poco tutta la truppa cominciò ad varcare la porta per uscire, spintonando, brontolando, protestando. Ciascuno dei soldati è stato arrestato e frugato, si svuotarono le tasche, si guardò sotto il cappotto. Si raccolse tutto ciò che apparentemente non era suo, l’impiegato prese nota e l’oggetto è stato portato in una piccola stanza vicina.
Fu così sequestrata una straordinaria varietà di oggetti: statuette, calamai, copriletti ricamati con iniziali imperiali, lampadari, vasetti di vernice, assorbenti da scrivania, spade con impugnature d’oro, saponette, vestiti di ogni genere, coperte. Una guardia rossa aveva tre fucili, due dei quali presi da lui agli junker; un altro ha trascinato quattro portafogli pieni di documenti. I colpevoli hanno restituito gli oggetti rubati e si sono difesi come dei bambini. I membri della commissione di registrazione, parlando tutti in una volta, hanno spiegato che rubare non era degno dei paladini dalla città. Spesso coloro che erano rimasti scoperti restituirono i beni e aiutarono a registrare i loro compagni”[33]REED, J., 2009, Diez días que estremecieron el mundo, Ed. Diario Público, pags. 157-159.

Nel lungometraggio Reds[34]Reds diretta da Warren Beatty, USA, 1981, 200 min, sequenza: 1:37:13 a 1:38:57, diretto da Warren Beatty nel 1981, alla fine narra l’assalto al Palazzo d’Inverno di Pietrogrado, senza dialoghi e con l’Internazionale come colonna sonora. Una grande manifestazione bolscevica marcia lungo il Nevsky Prospect in direzione del Palazzo, sede del governo provvisorio di Kerensky.
Una volta che i bolscevichi prendono il potere, si puo anche vedere cosa Reed racconta nei Dieci giorni che ha scosso il mondo riguardo al saccheggio, quando si vedono diverse guardie rosse portare via vasi e candelieri, e come un’altra guardia fa un gesto a uno di quelli di lasciare le cose al loro posto[35]Reds, op. cit., sequenza 1:38:17.

La fine di Sanpietrogrado
La fine di Sanpietrogrado

Reds
Reds

In questo caso, ci sono anche grandi differenze quando viene esposto lo stesso tema nei film. In Reds, la presa del palazzo avviene brevemente e senza violenza, mentre ad ottobre viene mostrato lo scontro armato avvenuto.
Inoltre, il ruolo di Trotsky è trattato in modo diverso; se nel primo film appare come un grande leader, il braccio destro di Lenin, in ottobre non compare nelle discussioni sullo Smolny. Tuttavia, c’è un oratore, che gli somiglia fisicamente, e presentato come menscevico, contro la presa del potere. potrebbe essere uno riferimento a Trotsky e al suo passato menscevico in un’epoca[36]Ottobre, op. cit., sequenza: 1:25:03 a 1:25:23, quella delle riprese di ottobre, in cui iniziò a cadere in disgrazia perdendo la battaglia con cui Stalin era andato al potere dopo la morte di Lenin.
In Lenin in ottobre Trotsky non compare più. Viene menzionato solo in uno scritto attribuito a Lenin, redatto durante il II Congresso tenutosi a Smolny e citato sopra, letto da un leader sindacale in cui sono chiamati, Trotsky e Zinoviev, idioti e traditori[37]Lenin in ottobre, op. cit., sequenza: 9:08 a 10:33.. Più tardi, in un’altra comunicazione in cui viene accusato anche Lenin e letta dallo stesso leader, sono menzionati Kamenev e Zinoviev affermando che possono fondare un partito con persone come loro per candidarsi al Costituente, ma che gli operai non avrebbero mai aderito al loro partito[38]Ibid., sequenza: 56:58 a 57:29.. Questi attacchi a Kamenev e Zinoviev sono dovuti al fatto che entrambi furono giustiziati nel 1936 durante i Processi di Mosca, un anno prima dell’uscita del film. Mostra così tanto Trotsky, come Kamenev e Zinoviev come persone a cui Lenin non aveva mai tenuto conto al momento di fare la Rivoluzione, poiché erano considerati traditori da prima del trionfo rivoluzionario, riscrivendo così la storia e rimuovendo la loro partecipazione alla Rivoluzione.
Eisenstein rende anche conto del saccheggio avvenuto dopo il sequestro del Palazzo d’Inverno e come le guardie rosse hanno perquisito il loro compagni per restituire ciò che è stato rubato[39]Ottobre, op. cit., sequenza: 1:40:57 a 1:42:10. Altrettanto interessante è il protagonismo che viene assegnato a Vladimir Antonov-Ovseyenko che appare come la guida della Guardia Rossa alla presa del Palazzo e che firma il decreto di rovesciamento del Governo provvisorio[40]Ibíd., sequenza: 1:37:58 a 1:40:20. Antonov-Ovseyenko fu fucilato nel 1939 nel Processo di Mosca accusato di essere trotzkista e il suo nome, che appare chiaramente in Ottobre, scompare in Lenin in ottobre poiché il personaggio che lo interpreta non firma il decreto, così il capo diventa un capo anonimo, condannato così all’ostracismo insieme agli altri tre leader sopra menzionati. In ogni caso, l’ingresso della Guardia Rossa nella sala del governo provvisorio in Lenin in ottobre una copia di quella fatta in Ottobre.
Dopo il rovesciamento del governo provvisorio, in ottobre Lenin compare a Smolny e viene ricevuto dalle lodi delle folle, dove vengono approvati decreti di pace e sulla terra dal congresso dei soviet[41]Ibid., sequenza: 1:40:57 a 1:42:10, scena che si ripete al millimetro in Lenin in ottobre. Ottobre è, a sua volta, il culmine della trilogia realizzata da Eisenstein sulla rivoluzione, dopo Sciopero e La corazzata Potemkin.
Un altro film mitico che racconta questi eventi è La fine di San Pietroburgo, che è stato girato per conto del governo sovietico e la cui prima proiezione è stata rappresentato al teatro Bolshoi il giorno del decimo anniversario della Rivoluzione, mesi prima rispetto a Ottobre e ha ottenuto una recensione migliore rispetto a quest’ultimo[42]BERGAN, op. cit., Pags. 162-163.. Alla fine de La fine di San Pietroburgo vengono fatte allusioni a Pietroburgo durante la prima guerra mondiale, mostrando immagini delle dure condizioni in cui vivevano i soldati, sopportando il freddo e forti acquazzoni, in contrasto con la vita facile e confortevole dell’aristocrazia zarista, che vedeva la guerra come un modo per fermare l’ambiente pre-rivoluzionario che si era venuto a creare in Russia. Mostra anche chiaramente il rapporto tra guerra e capitale mettendo in relazione i soldati che avanzano al fronte con i brokers che si avventano sul mercato azionario, mostrando la violenza della guerra e l’atteggiamento capitalista nel mercato azionario come le due facce della stessa medaglia[43]La fine di San Pietroburgo, diretto da Vsevolod Pudovkin, URSS, 1927, 74 min., sequenza: 44:32 a 58:28..
Successivamente si manifesta il malcontento popolare per la scarsità di prodotti di prima necessità il come pane e l’assunzione del potere ad opera del Governo Provvisorio, dopo la Rivoluzione di febbraio, che si rivela però lontana dalla realtà[44]Ibid., sequenza: 59:03 a 1:01:36.. Una manifestazione operaia serve come metafora di quello che sarebbe successo nei mesi successivi, dove un lavoratore lancia slogan a favore dei soviet e contro la guerra quando sale sul palco un borghese e si batte con l’operaio che vince, causando la caduta del borghese, metafora di ciò che sarebbe accaduto nel mese di ottobre[45]Ibid., sequenza: 1:03:00 a 1:04:04.. L’unione dell’esercito con i soviet e la rivoluzione bolscevica va in scena quando un ufficiale ordina a un’unità di sparare contro “i traditori”, un bolscevico e un soldato accanto a lui, e quando i soldati del plotone aprono il fuoco sparano contro l’ufficiale, e il resto dei soldati della compagnia spara agli agenti che erano lì, che fuggono dal posto[46]Ibid., sequenza: 1:12.50 a 1:15.07..
La grande differenza tra Ottobre e La fine di San Pietroburgo è il modo in cui entrambi i film si concentrano sulla Rivoluzione d’Ottobre, specialmente al tempo del presa del Palazzo d’Inverno. La fine di San Petersburgo ha un approccio diverso rispetto a Eisenstein poiché non ci sono grandi masse che combattono, né si rileva l’intrigo o la tensione che mostra Ottobre. Al contrario, in La fine di San Petersburgo si dà maggiore importanza, poiché appare più volte in molto meno tempo, alla Corazzata Aurora e alle guardie rosse rimaste nella Fortezza di Pietro e Paolo[47]La fine di San Petersburgo, op. cit., sequenza: 1:15:10 a 1:20:28..
Né appare nessuno dei grandi leader della Rivoluzione, ma l’obiettivo si concentra sulla città che compie l’atto e il cambio dei tempi, messo in scena dalla donna che va alla ricerca del marito con alcune patate, che poi distribuisce tra diverse guardie rosse mostrando i nuovi valori della Rivoluzione, in cui la solidarietà prevale su tutto[48]Ibid., sequenza: 1:24:00 a 1:25:20..
Lo stesso modo in cui viene raccontato lo sparo della Corazzata Aurora, così come la presa del Palazzo d’Inverno che si verifica in La fine di San Pietroburgo si ritrova in Lenin in Ottobre, con l’unica eccezione che in questo i combattimenti sono riprodotti all’interno del Palazzo dell’inverno[49]Lenin in ottobre, op. cit., sequenza: 1:26:36 a 1:36:45.. In quest’ultimo, durante la presa del Palazzo, una volta all’interno, si trova la sequenza che ricorda i gradini di Odessa de La Corazzata Potemkin.

Conclusioni

Per Carr, la rivoluzione del 1917 “fu la prima rivoluzione della storia decisa a stabilire la giustizia sociale attraverso i controlli sull’economia organizzata dall’azione politica”[50]CARR, E. H., 1985, op. cit., pag. 39..
Gramsci, dopo il trionfo di ottobre, fece un’accurata riflessione sul personaggio socialista della rivoluzione nel regno ideologico. Con una visione antidogmatica del marxismo affermava che “La rivoluzione dei bolscevichi è materiata di ideologie più che di fatti. (…) È la rivoluzione contro il Capitale di Carlo Marx. (…) Era la dimostarzione critica della fatale necessità che in Russia si formasse una borghesia, si iniziasse un’era capitalistica, si instaurasse una civiltà di tipo occidentale, prima che il proletariato potesse neppure pensare alla sua riscossa, alle sue rivendicazioni di classe, alla sua rivoluzione. I fatti hanno superato le ideologie. I fatti hanno fatto scoppiare gli schemi critici entro i quali la storia della Russia avrebbe dovuto svolgersi secondo i canoni del materialismo storico. I bolscevichi rinnegano Carlo Marx, affermano con la testimonianza dell’azione esplicata, delle conquiste realizzate, che i canoni del materialismo storico non sono così feroci come si potrebbe pensare e come si è pensato.”[51]GRAMSCI, A., 1917 La Rivoluzione contro il capitale.
Per quanto riguarda la filmografia sovietica analizzata, vi sono due grandi conclusioni: la prima è che, pur essendo film dal carattere chiaro, la storia ha anche una grande dose di propaganda politica, dove la lotta delle classi e il trionfo rivoluzionario sono il centro. Allo stesso modo, e come seconda conclusione, il cinema commemorativo sovietico ha risposto alla situazione politica, come si vede nella filmografia del ventesimo anniversario dove non appaiono più i leader bolscevichi espulsi o condannati nei processi di Mosca.
Questo importante evento storico, che in gran parte ha segnato il futuro dei decenni successivi, ha nei film sopra analizzati un grande impatto. Servono a loro volta per capire come fosse vista la Rivoluzione d’Ottobre nell’URSS e quale immagine volevano darne – ad eccezione di Reds e Stalin–. La produzione cinematografica è sempre stata al servizio di determinati interessi, ma non è un ostacolo al riconoscimento della qualità dei film analizzati, alcuni dei quali appartengono, per i loro meriti, al gruppo ristretto dei capolavori della storia cinema mondiale.

Bibliografia

ANDRADE, J., e HERNÁNDEZ, F., 2017, 1917. La Revolución rusa cien años después, Ed. Akal, Madrid.
BERGAN, R., 2001, Sergej Eisenstein. Una vida en conflicto, Ed. Alba, Barcelona.
CARR, E. H., 1985, 1917. Antes y después (la revolución rusa), Ed. Sarpe, Madrid.
CARR, E. H., 2009, La revolución rusa. De Lenin a Stalin (1917-1929), Alianza Editorial, Madrid.
DE PABLO, S. (ed.), La historia a través del cine: La Unión Soviética, EHU/UPV, Zarautz.
GRAMSCI, A., 1917 La Rivoluzione contro il capitale.
GRAMSCI, A., 1917, Note sulla Rivoluzione Russa.
HILL, C., 2017, La Revolución Rusa, Ed. Ariel, Barcelona.
HOBSBAWM, E., 1994, Historia del siglo XX, Ed. Crítica, Buenos Aires.
HOBSBAWM, E., 2009, La era del imperio. 1875-1914, Ed. Crítica, Barcelona.
LENIN, V. I., Tesi di aprile.
MARX, K. e ENGELS, F., Il Manifesto del Partito Comunista
REED, J., 2009, Diez días que estremecieron el mundo, Ed. Diario Público.
SABORIDO, J., 2006, La revolución rusa, Ed. Dastin, Madrid.
SERGE, V., 2017, El año I de la Revolución rusa, Ed. Traficantes de Sueños, Madrid.
TAIBO, C., 2010, Historia de la Unión Soviética 1917-1991, Alianza Editorial, Madrid.
TROTSKI, L., 2017, Historia de la Revolución Rusa, Ed. Talaparta, Tafalla.
TROTSKI, L., “1905”, Mi vida.

Filmografía

La corazzata Potemkin, diretta da Sergej Eisenstein, URSS, 1925, 77 min.
La fine di San Petersburgo, diretto da Vsevolod Pudovkin, URSS, 1927, 74 min.
Lenin in ottobre, diretto da Dmitri Vasilyev, URSS, 1937, 108 min.
Ottobre, diretto da Sergej Eisenstein, URSS, 1928, 103 min.
Reds, diretto da Warren Beatty, USA, 1981, 200 min.
Stalin, diretto da Ivan Passer, EE.UU., 1992, 166 min.

/ 5
Grazie per aver votato!

References

References
1 Come afferma Hobsbawm, “la novità di questa rivoluzione era ideologica. Quasi tutti i fenomeni considerati rivoluzionari fino a questa data avevano seguito la tradizione, l’ideologia e in generale il vocabolario delle Rivoluzioni occidentali dal 1789. Più precisamente, quelle di qualche variante della sinistra laica, principalmente socialista o comunista (…) La rivoluzione iraniana è stata la prima compiuta e vinta sotto la bandiera del fondamentalismo religioso e il primo a sostituire il vecchio regime con una teocrazia populista”. In HOBSBAWM, E., 1994, Historia del siglo XX, Ed. Crítica, Buenos Aires, pag. 453.
2 MARX, K. e ENGELS, F., 1987, Il Manifesto del Partito Comunista.
3 Ibid.
4 DE PABLO, S. (ed.), La historia a través del cine: La Unión Soviética, EHU/UPV, Zarautz, pag. 21.
5 SABORIDO, J., 2006, La revolución rusa, Ed. Dastin, Madrid, pag. 40.
6 TAIBO, C., 2010, Historia de la Unión Soviética 1917-1991, Alianza Editorial, Madrid, pag. 27.
7 BERGAN, R., 2001, Sergej Eisenstein. Una vida en conflicto, Ed. Alba, Barcelona, pag. 123.
8 BERGAN, op. cit., pag. 128
9 La corazzata Potemkin, diretta da Sergei Eisenstein, URSS, 1925, 77 min., sequenza: 05:03 a 23:32.
10 La corazzata Potemkin, sequenza: 47:02 a 53:59.
11 BERGAN, op. cit., pag. 141.
12 Ibid., pag. 338.
13 DE PABLO, op. cit., pag. 35.
14 DE PABLO, op. cit., pag. 36.
15 Ibid., pag. 139.
16 BERGAN, op. cit., pag. 166.
17 HOBSBAWM, E., 2009, La era del imperio. 1875-1914, Ed. Crítica, Barcelona, pag. 306.
18 Ibid., pag. 307.
19 CARR, E.H., 2009, La revolución rusa. De Lenin a Stalin (1917-1929), Alianza Editorial, Madrid, pag. 12.
20 TROTSKY, L., 1905, Mi vida.
21 Si chiamavano così, secondo le iniziali del nome del Partito Democratico Costituzionale (K.D. in Russo). Quando scoppiò la rivoluzione nel marzo 1917, furono i cadetti a formare il primo governo provvisorio. In REED, J., 2009, Dieci giorni che hanno scosso il mondo, pag.21.
22 TAIBO, op. cit., pag. 31-32.
23 Lo Zemtsvo era una forma di governo locale istituita durante le grandi riforme liberali attuate nell’Impero Russo dallo zar Alessandro II di Russia. L’idea di questo sistema è stata sviluppata da Nikolai Milyutin. Le primo leggi sullo zemstvo furono emanate nel 1864. Dopo la Rivoluzione d’Ottobre del 1917 il sistema dello zemstvo fu abolito e sostituito dai soviet o dai consigli provinciali dei lavoratori.
24 GRAMSCI, A., Note sulla Rivoluzione Russa
25 CARR, E. H., 1985, 1917. Antes y después (la revolución rusa), Ed. Sarpe, Madrid, pag. 10.
26 LENIN, V. I., Tesi d’Aprile
27 Ottobre, diretta da Sergei Eisenstein, URSS, 1928, 103 min., sequenza: 10:20 a 12:03.
28 Stalin, diretto da Ivan Passer, EE.UU., 1992, 166 min., sequenza: 03:05 a 05:49.
29 Lenin in ottobre, diretta da Dmitri Vasilyev, URSS, 1937, 108 min., sequenza: 3:47 a 7:00.
30 Presidente dell’ultimo governo provvisorio, membro del Partito Social-Rivoluzionario. Originariamente un partito rivoluzionario contadino e partito delle organizzazioni di combattimento, cioè dei terroristi. Dopo la rivoluzione di febbraio vi si accalcarono grandi contingenti di affiliati, molti dei quali non erano stati in precedenza socialisti. In questo periodo, i SR hanno chiesto l’abolizione della proprietà fondiaria privata, ma attraverso un risarcimento i loro proprietari. Lo sviluppo dello spirito rivoluzionario tra i contadini li costrinse presto ad abbandonarlo la clausola di indennizzo, e gli intellettuali più giovani e combattivi ruppero con il partito per formarne uno nuovo, chiamato “Socialisti Rivoluzionari di sinistra”. I SR, chiamata d’ora in poi dai gruppi di sinistra “rivoluzionari socialisti di destra”, ha adottato l’atteggiamento politico dei menscevichi e ha lavorato in accordo con loro. Finirono per rappresentare i contadini benestanti, gli intellettuali e le popolazioni estranee all’educazione politica dei distretti rurali periferici. In REED, J., 2009, Dieci giorni che hanno scosso il mondo, pag. 25.
31 TAIBO, op. cit., Pagg. 38-41.
32 CARR, E.H., 2009, op. cit., pag. 17.
33 REED, J., 2009, Diez días que estremecieron el mundo, Ed. Diario Público, pags. 157-159
34 Reds diretta da Warren Beatty, USA, 1981, 200 min, sequenza: 1:37:13 a 1:38:57
35 Reds, op. cit., sequenza 1:38:17
36 Ottobre, op. cit., sequenza: 1:25:03 a 1:25:23
37 Lenin in ottobre, op. cit., sequenza: 9:08 a 10:33.
38 Ibid., sequenza: 56:58 a 57:29.
39 Ottobre, op. cit., sequenza: 1:40:57 a 1:42:10
40 Ibíd., sequenza: 1:37:58 a 1:40:20
41 Ibid., sequenza: 1:40:57 a 1:42:10
42 BERGAN, op. cit., Pags. 162-163.
43 La fine di San Pietroburgo, diretto da Vsevolod Pudovkin, URSS, 1927, 74 min., sequenza: 44:32 a 58:28.
44 Ibid., sequenza: 59:03 a 1:01:36.
45 Ibid., sequenza: 1:03:00 a 1:04:04.
46 Ibid., sequenza: 1:12.50 a 1:15.07.
47 La fine di San Petersburgo, op. cit., sequenza: 1:15:10 a 1:20:28.
48 Ibid., sequenza: 1:24:00 a 1:25:20.
49 Lenin in ottobre, op. cit., sequenza: 1:26:36 a 1:36:45.
50 CARR, E. H., 1985, op. cit., pag. 39.
51 GRAMSCI, A., 1917 La Rivoluzione contro il capitale

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.