Pena capitale per i renitenti

Decreto legislativo del Duce 18 febbraio 1944, n. 30. Che commina la pena capitale a carico di disertori e renitenti di leva

(Gazzetta Ufficiale d’Italia, n. 42, 21 febbraio 1944)

Categoria: RSI – Salò

IL DUCE
DELLA REPUBBLICA SOCIALE ITALIANA
E CAPO DEL GOVERNO
Sentito il Consiglio dei Ministri
Decreta:

Art. 1
Gli iscritti di leva arruolati ed i militari in congedo che, durante lo stato di guerra e senza giustificato motivo, non si presenteranno alle armi nei tre giorni successivi a quello prefisso, saranno considerati disertori di fronte al nemico, ai sensi dell’art. 144 C.P.M. e puniti con la morte mediante fucilazione al petto.
Art. 2
La stessa pena verrà applicata anche ai militari delle classi 1923-24-25 che non hanno risposto alla recente chiamata o che, dopo aver risposto, si sono allontanati arbitrariamente dal reparto.
Art. 3
I militari di cui all’articolo precedente andranno tuttavia esenti da pena e non saranno sottoposti a procedimento penale se regolarizzeranno la loro posizione presentandosi alle armi entro il termine di quindici giorni decorrente dalla data del presente decreto.
Art. 4
La stessa pena verrà applicata ai militari che essendo in servizio alle armi si allontaneranno senza autorizzazione dal reparto restando assenti per tre giorni, nonché ai militari che essendo in servizio alle armi e trovandosi legittimamente assenti non si presenteranno senza giusto motivo nei cinque giorni successivi a quello prefissato.
Art. 5
La pena di morte inflitta per i reati di cui agli articoli precedenti deve essere eseguita, se possibile, nel luogo stesso della cattura del disertore o nella località della sua abituale dimora.
Art. 6
La competenza a conoscere dei reati di cui agli articoli 1 e 2 del presente decreto spetta ai Tribunali Militari.
Art. 7
È abrogata ogni altra disposizione in contrasto con il presente decreto.
Art. 8
Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale ed inserito, munito del sigillo dello Stato, nella Raccolta delle leggi e dei decreti ed entra in vigore immediatamente.

Dal Quartier Generale, addì 18 febbraio 1944-XXII
MUSSOLINI

/ 5
Grazie per aver votato!

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.